Pari opportunità: obbligo di rapporto sulla parità di genere per le imprese con almeno 50 dipendenti

Operativa l’estensione del rapporto del personale maschile e femminile alle imprese con più di 50 dipendenti. E’ quanto stabilito dall’art. 46 del D.lgs 198/2006, come modificato dalla legge 162/2021, che ha abbassato da 100 a 50 la soglia minima di dipendenti sopra la quale è obbligatoria la redazione del Rapporto periodico sulla situazione del personale maschile e femminile, “in relazione allo stato di assunzioni, della formazione, della promozione professionale, dei livelli, dei passaggi di categoria o di qualifica, di altri fenomeni di mobilità, dell’intervento della Cassa integrazione guadagni, dei licenziamenti, dei prepensionamenti e pensionamenti, della retribuzione effettivamente corrisposta”.

Le aziende pubbliche e private che occupano fino a 50 dipendenti possono redigere il rapporto su base volontaria.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Rapporto parità di genere: le indicazioni

Il rapporto contiene informazioni inerenti alla situazione del personale maschile e femminile all’interno dell’azienda. Nello specifico devono essere inseriti:

  • numero dei lavoratori occupati distinti per sesso con indicazione delle retribuzioni iniziali, l’inquadramento contrattuale e la funzione svolta da ciascun occupato
  • l’importo della retribuzione complessiva corrisposta, delle componenti accessorie del salario, delle indennità, dei bonus
  • le modalità di accesso al rapporto da parte dei dipendenti e delle rappresentanze sindacali
  • informazioni sui processi di selezione
  • le misure previste per la conciliazione vita lavoro

Il legislatore, nell’ambito dei contratti pubblici del PNRR, ha inoltre previsto in capo agli operatori economici, pubblici o privati, con più di 50 dipendenti l’obbligo di produrre, a pena di esclusione dalla gara, copia dell’ultimo rapporto sulla situazione del personale.

Termine e modalità di presentazione

Le aziende dovranno redigere il Rapporto esclusivamente in modalità telematica, entro e non oltre il 30 settembre 2022. Tale scadenza vale tuttavia per il solo biennio 2020-2021; per tutti i successivi bienni è confermata la data del 30 aprile dell’anno successivo alla scadenza di ciascun biennio prevista dalla legge.

Si rammenta che la mancata trasmissione – anche dopo l’invito alla regolarizzazione da parte dell’Ispettorato del Lavoro competente – comporta l’applicazione delle sanzioni di cui all’art- 11 del D.P.R. 19 marzo 1955, n. 520; se l’inottemperanza si protrae per oltre 12 mesi, è disposta la sospensione per un anno dei benefici contributivi eventualmente goduti dall’azienda (art. 46, comma4, D.Lgs. 11 aprile 2006, n. 198).

Vuoi saperne di più? Puoi contattare la S.C.I. Network Group