I reati presupposto: quali sono e cosa comportano

L’elenco dei reati presupposto ha subito, nel corso degli anni, un significativo incremento che ha interessato aree inizialmente non considerate dalla disciplina del D.Lgs. 231/01.

La commissione di un reato presupposto da parte della persona fisica, appartenente all’Organizzazione, determina l’insorgere della responsabilità amministrativa dell’ente.

Reati presupposto e responsabilità amministrativa delle Organizzazioni


I reati menzionati, e periodicamente aggiornati, dal Decreto sono:

  • Indebita percezione di erogazioni, truffa in danno dello Stato, di un ente pubblico o dell’Unione europea o per il conseguimento di erogazioni pubbliche, frode informatica in danno dello Stato o di un ente pubblico e frode nelle pubbliche forniture
  • Delitti informatici e trattamento illecito di dati
  • Delitti di criminalità organizzata
  • Peculato, concussione, induzione indebita a dare o promettere utilità̀, corruzione e abuso d’ufficio
  • Falsità in monete, in carte di pubblico credito, in valori di bollo e in strumenti o segni di riconoscimento
  • Delitti contro l’industria e il commercio
  • Reati societari
  • Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico
  • Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili
  • Delitti contro la personalità individuale
  • Abusi di mercato
  • Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro
  • Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, nonché autoriciclaggio
  • Delitti in materia di strumenti di pagamento diversi dai contanti
  • Delitti in materia di violazione del diritto d’autore
  • Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all’autorità giudiziaria
  • Reati ambientali
  • Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare
  • Razzismo e xenofobia
  • Frode in competizioni sportive, esercizio abusivo di gioco o di scommessa e giochi d’azzardo esercitati a mezzo di apparecchi vietati
  • Reati tributari
  • Contrabbando

È quindi facilmente comprensibile che non tutti i reati presupposto sono rilevanti per la specificità dell’Organizzazione.

Pertanto, è fondamentale procedere, caso per caso, ad una valutazione del rischio di reato per costruire un Modello organizzativo esimente adatto alla specificità dell’Organizzazione.

Vuoi saperne di più? Contatta la S.C.I. Network Group

I professionisti di S.C.I. Network Group sono in grado di aiutarti a sviluppare una corretta analisi del rischio-reato al fine di adottare un modello organizzativo 231 esimente.

Contattaci

RICHIEDI INFORMAZIONI