Il reato di caporalato

L’Art. 6 della legge n. 199 del 2016 (Disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero e dello sfruttamento del lavoro in agricoltura) ha previsto, attraverso la modifica dell’art. 25-quinquies del D.lgs. 231/01, la responsabilità amministrativa dell’ente anche nei casi di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro (reato di caporalato) di cui all’Art. 603-bis c.p.

I comportamenti che integrano gli estremi del reato di caporalato possono essere commessi sia dal caporale che dal datore di lavoro. In particolare, le disposizioni codicistiche sanzionano:

  • il caporale che recluta la manodopera allo scopo di destinarla al lavoro presso terzi in condizioni di sfruttamento, approfittando dello stato di bisogno dei lavoratori;
  • il datore di lavoro che utilizza, assume e impiega manodopera, anche mediante l’attività di intermediazione del caporale, sottoponendo i lavoratori a condizioni di sfruttamento ed approfittando del loro stato di bisogno.

Gli elementi caratterizzanti il reato di caporalato sono, quindi, essenzialmente tre: l’intermediazione illecita di manodopera, lo sfruttamento e lo stato di bisogno del lavoratore.

L’art. 603-bis c.p. va oltre la semplice definizione del fatto umano, antigiuridico e colpevole, fornendo degli indici in presenza dei quali si presume l’esistenza di una condizione di sfruttamento. Questi indici sono:

  1. la reiterata corresponsione di retribuzioni in modo difforme dai contratti collettivi;
  2. una retribuzione sproporzionata rispetto alla quantità e qualità del lavoro prestato;
  3. la reiterata violazione della normativa relativa all’orario di lavoro, ai periodi di riposo, al riposo settimanale, all’aspettativa obbligatoria e alle ferie;
  4. le violazioni delle norme in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro;
  5. la sottoposizione del lavoratore a condizioni di lavoro, a metodi di sorveglianza o a situazioni alloggiative degradanti.

Il contenuto dei modelli organizzativi

L’ente è responsabile del reato di caporalato commesso nel suo interesse o a suo vantaggio dai soggetti apicali ovvero dai soggetti sottoposti.

Per evitare l’insorgere della responsabilità amministrativa e l’applicazione delle sanzioni pecuniarie ed interdittive previste dall’art. 25-quinquies del Decreto, l’organo gestorio dell’ente deve adottare ed efficacemente attuare, prima della commissione del fatto, un modello di organizzazione, gestione e controllo idoneo a prevenire i reati in questione.

In particolare, nella fase di predisposizione del MOG, l’attenzione deve essere posta sulla funzione risorse umane e sul processo di selezione e assunzione del personale, che rappresentano le aree di rischio-reato.

Il Modello organizzativo, in tal senso, oltre a specificare protocolli comportamentali e di controllo, può fare riferimento, attraverso un esplicito richiamo, alla procedura di selezione ed assunzione del personale di cui l’ente si è dotato.

Tale procedura mira a descrivere con precisione le fasi, i compiti e le responsabilità dei soggetti coinvolti sia nella fase di determinazione del fabbisogno di risorse che durante l’intero processo di selezione ed assunzione.

La procedura in questione, quindi, deve garantire il rispetto:

  • delle disposizioni legislative inderogabili nazionali e sovranazionali;
  • dello Statuto dei Lavoratori;
  • del CCNL di settore;
  • dei principi fondamentali di diritto del lavoro;
  • delle disposizioni del Modello organizzativo;
  • del Codice etico;
  • degli obblighi di informazione nei confronti dell’OdV;
  • dei rapporti con i soggetti abilitati a svolgere l’attività di intermediazione di manodopera.

Infine, considerando la maggiore diffusione del fenomeno all’interno della popolazione immigrata, l’ente potrebbe predisporre un’ulteriore e specifica procedura di selezione e assunzione che tenga conto di una serie di ulteriori fattori (es. permessi di soggiorno, rapporti con le agenzie di somministrazione).

Il suggerimento, ovviamente, è rivolto a tutte quelle organizzazioni che utilizzano regolarmente manodopera straniera.  Questo ulteriore aspetto organizzativo potrebbe contribuire a fondare il giudizio di idoneità ed efficace attuazione del MOG in sede processuale nei casi di reati di caporalato.

Vuoi saperne di più? Contatta la S.C.I. Network Group

S.C.I. Network Group, grazie al suo Centro Elaborazione Dati (CED), offre servizi di consulenza in ambito giuslavoristico e garantisce alla tua impresa il corretto adempimento di tutti gli obblighi di legge.

Inoltre, per aiutare i clienti a migliorare l’immagine della propria impresa, siamo in grado di progettare un Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale conforme allo Standard SA 8000.

Contattaci

RICHIEDI INFORMAZIONI