Salario dignitoso: definizione

La retribuzione rappresenta uno dei nove requisiti di responsabilità sociale richiesti alle imprese dallo Standard SA 8000. In particolare, la norma chiede alle organizzazioni di rispettare il diritto del lavoratore ad un salario dignitoso (living wage).

La previsione si inserisce in un concetto molto più ampio che è quello di decent work, termine coniato dall’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro) e riferito ad un’occupazione che contribuisce alla stabilità sociale ed economica dei lavoratori.

Il living wage è definito dalla SA 8000 come la retribuzione settimanale sufficiente ad assicurare al lavoratore e alla sua famiglia uno standard di vita dignitoso.

Uno standard di vita dignitoso garantisce al lavoratore la possibilità di accedere ai servizi essenziali (cibo, acqua, abitazione, assistenza sanitaria, istruzione, trasporti, vestiario ecc.) e di far fronte ad eventi inattesi.

Il concetto, tra l’altro, oltre che a livello internazionale, è ben espresso dall’Art. 36 della nostra Costituzione che, sancendo il principio di proporzionalità tra quantità e qualità di lavoro prestato e retribuzione, impone la necessità di una retribuzione sufficiente ad assicurare al lavoratore e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa. L’inclusione del principio in questione nel testo fondamentale del nostro ordinamento ne testimonia l’importanza, la centralità e la supremazia rispetto a qualsiasi altra valutazione di carattere economico. L’agire socialmente orientato delle imprese (CSR) non può prescindere, dunque, dal rispetto di questo principio fondamentale.

Calcolo del salario dignitoso

L’allegato indicatori performance della SA 8000 ci fornisce una serie di strumenti utili (ma non esaustivi) a valutare il grado di conformità dell’organizzazione ai requisiti dello Standard. Per quanto riguarda il living wage, il calcolo avviene attraverso l’utilizzo di metodi quantitativi e qualitativi:

  1. Il metodo quantitativo considera:
    • Le spese dei lavoratori
    • Le dimensioni medie della famiglia nella zona
    • Il numero tipico di persone per famiglia che percepiscono un reddito da lavoro
    • Le statistiche governative sulla povertà
  1. Il metodo qualitativo si basa sullo strumento della consultazione con i lavoratori per capire se i loro salari sono sufficienti a coprire i bisogni primari propri e dei familiari a carico.

In ogni caso, il salario dignitoso deve essere ad un livello tale da soddisfare i bisogni primari dei lavoratori e garantire un reddito discrezionale (reddito al netto delle spese sostenute per i servizi essenziali).

Salario dignitoso e in-work poverty: cenni

La previsione di un salario dignitoso dovrebbe, in teoria, garantire un’esistenza relativamente tranquilla ai lavoratori. In realtà, però, ciò non accade e l’esempio lampante è rappresentato dal recente e sempre più diffuso – anche in Italiafenomeno della in-work poverty (IWP).

Il fenomeno riguarda soggetti che, pur occupati, non percepiscono una retribuzione tale da condurre “un’esistenza libera e dignitosa”. Concretamente, un individuo è considerato in-work poor quando il reddito disponibile annuo del nucleo di famiglia in cui vive è inferiore al 60% del reddito mediano nazionale.

Gli ultimi dati disponibili ci segnalano che nel 2019 l’11,8% dei lavoratori italiani era povero, contro una media europea del 9,2%. Si prevede, infine, che questi numeri possano crescere vertiginosamente a causa della pandemia Covid-19 e delle incertezze economiche dovute alle evoluzioni degli scenari internazionali.

Vuoi saperne di più? Contatta la S.C.I. Network Group

La S.C.I. Network Group, grazie al suo esperto Team di professionisti, è il Partner ideale per le imprese che intendono effettuare un’analisi del living wage e sviluppare un’efficace strategia di Corporate Social Responsibility (CSR). In tal senso, S.C.I. Network Group offre servizi di consulenza e formazione aziendale per l’ottenimento della certificazione SA 8000 – Etica e responsabilità sociale.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Broker assicurativo

Gestione rifiuti

Gestione del credito

Consulenza legale

Attestazioni SOA

Marketing

Elaborazioni gare

Fondi e finanziamenti

Energy manager

Formazione aziendale

Medicina del lavoro