Sintesi delle principali misure contenute nel Decreto Aiuti ter

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 16 settembre un decreto-legge che introduce misure urgenti in materia di politica energetica nazionale, produttività delle imprese, politiche sociali e per la realizzazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

DL Aiuti ter: misure contro il caro energia


In merito alle disposizioni contro il caro-energia sono prorogati e rafforzati i crediti di imposta in favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale.

Alle imprese a forte consumo di energia elettrica e a forte consumo di gas naturale è riconosciuto un credito d’imposta pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022.

Per le imprese dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 4,5kW, diverse da quelle a forte consumo di energia elettrica, il credito d’imposta relativo agli stessi mesi è pari al 30%, mentre per le imprese diverse da quelle a forte consumo di gas naturale il credito è pari al 40%.

E’ prorogata la riduzione di accisa e IVA sui carburanti fino al 31 ottobre 2022 e alle imprese esercenti attività agricola, pesca, agro meccanica che hanno acquistato carburante nel quarto trimestre 2022 è riconosciuto un credito d’imposta pari al 20%.

DL Aiuti ter: disposizioni urgenti in materia di sport


Per far fronte alla crisi economica determinatasi in ragione dell’ aumento dei costi dell’ energia termica ed elettrica, le risorse del Fondo di cui all’art. 1, comma 34, della legge 30.12.2020, n. 178, sono incrementate di 50 milioni di euro per il 2022, da destinare all’erogazione di contributi a fondo perduto per le associazioni e società sportive dilettantistiche, nonché per le federazioni sportive nazionali, che gestiscono impianti sportivi e piscine.

Con decreto dell’ Autorità politica delegata in materia di sport, da adottarsi entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sono individuati le modalità e i termini di presentazione delle richieste di erogazione dei contributi, i criteri di ammissione, le modalità di erogazione, nonché le procedure di controllo, da effettuarsi anche a campione.

RICHIEDI INFORMAZIONI

DL Aiuti ter: contributo per cinema e teatri


Al fine di moderare gli effetti dell’aumento dei costi di fornitura di energia elettrica e di gas sostenuti da sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e istituti e luoghi della cultura è autorizzata la spesa di 40 milioni di euro per l’anno 2022.

Con decreto del Ministro della cultura, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, saranno definite le modalità di ripartizione e assegnazione delle risorse.

DL Aiuti ter: settore autotrasporti


Secondo la bozza del decreto si segnala il Fondo per il sostegno del settore dell’ autotrasporto.

Al fine di ridurre gli effetti economici derivanti dagli aumenti eccezionali dei prezzi dei carburanti, è istituito un fondo, nello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e delle mobilità sostenibili, con una dotazione di 100 milioni di euro per l’anno 2022, da destinare al sostegno del settore dell’ autotrasporto.

Con decreto del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, saranno definiti i criteri di determinazione, le modalità di assegnazione e le procedure di erogazione delle risorse, nel rispetto della normativa europea sugli aiuti di Stato.

DL Aiuti ter: agricoltura e pesca


Tra le misure messe in campo dal D.L. Aiuti ter, di cui si attende conferma definitiva con la pubblicazione del testo in Gazzetta Ufficiale, viene confermato un bonus carburante per le imprese agricole, agro meccaniche e della pesca a sostegno delle spese sostenute nel quarto trimestre 2022.

Al fine di mitigare gli effetti economici derivanti dal perdurare dell’ aumento eccezionale dei prezzi è istituito il credito d’ imposta pari al 20% delle spese sostenute da parte di imprese esercenti attività agricola, agro meccanica e della pesca.

L’agevolazione si applica all’acquisto di carburante utilizzato per:

  • trazione dei messi utilizzati per l’esercizio delle attività
  • riscaldamento delle serre e dei fabbricati produttivi adibiti all’ allevamento degli animali

Per ulteriori dettagli si attende la bozza definitiva del DL appena approvato.